Cartoon Classics – Topolino pesca guai

Titolo italiano: Cartoon Classics – Topolino pesca guai
Titolo originale: Fisherman Mickey

Codice: VS 4564
Durata: 30 minuti
Edizione: Settembre 1995
Distribuzione: Buena Vista Home Entertainment
Tipologia: Vendita
Box: Giallo grande in plastica rigida
Messaggio antipirateria: BV Home Entertainment
Intro: Disney Video
Promo iniziali: Prossimamente in videocassetta: I Classici – Il re leone. Disponibile in videocassetta: Winny Puh + Gummi’s + Dinosauri; La sirenetta – Le nuove avventure marine di Ariel (Due sorelle in alto mare); Cartoon Classics – Pluto aiutante offresi.
Promo finali: Assenti.
Contenuto: La vhs presenta una compilation di quattro corti classici provenienti dalla serie di Topolino e prodotti durante gli anni ’30. I quattro episodi, originariamente in b/n, sono stati totalmente ricolorati, ridoppiati ed abbinati a dei nuovi titoli di testa e di coda. Nella versione italiana contenuta nella videocassetta, le title card dei singoli episodi sono riportate in sovrimpressione su un fermo immagine del relativo corto.

Segni particolari: Il decimo volume della collana delle Cartoon Classics, uscito in coppia con il nono (Pluto aiutante offresi, di cui abbiamo già parlato e del quale è presente un promo all’inizio del nastro), è forse uno dei più particolari dal punto di vista del contenuto. Topolino pesca guai ci presenta quattro corti dalla serie di Mickey, prodotti durante gli anni ’30 in b/n, in una versione ricolorata e doppiata, ma soprattutto – e stavolta è vero – distribuiti per la prima volta in videocassetta.
La fattura del nastro è dello stesso stampo del volume n. 9, e non potrebbe essere altrimenti: dopo il materiale introduttivo e lo spot antipirateria “È un vero Walt Disney” con la vhs di Red e Toby nemiciamici, si apre la sigla della serie americana delle Cartoon Classics, dove il titolo Topolino pesca guai appare in sovrimpressione mentre sullo sfondo si susseguono frammenti di corti classici Disney. Tutti e quattro gli episodi contenuti nella compilation sono stati “ricostruiti” e aggiornati durante gli anni ’90, a partire dai crediti: quelli originali sono sostituiti da dei titoli risalenti ad alcune riedizioni realizzate durante gli anni ’50, che avrete sicuramente già visto in alcune trasmissioni televisive dei corti classici. Nei crediti iniziali, il nome della serie di cartoon è posto su di una tela magenta con un motivo di note musicali, mentre il “The end” finale, scritto con un carattere giallo e piuttosto grande, spunta davanti al classico sipario chiuso. Nell’edizione italiana, la title card è sostituita da un fermo immagine dell’episodio in questione, con il titolo italiano scritto in sovrimpressione.

Per la verità, i titoli riportati sul retro della fascetta e sui fermi immagine del nastro sono errati, con il solo Topolino nella terra dei giganti a risultare corretto. Il primo corto è Topolino e le zanzare, presentato erroneamente come Un vivace campeggio, dove Topolino, Clarabella, Orazio e Minni sono alla prese con un esercito di zanzare dai pungiglioni grossi come spilli! Subito dopo il cartello dell’approvazione della MPPDA – Motion Picture Producers & Distributors of America (certificato n. 391) ci introduce un episodio dove gli agenti Topolino e Paperino sono alle prese con il rapitore canino Pietro Gambadilegno: Il cane rapito, con il titolo erroneo Topolino e il ladro di cuccioli. Si tratta del corto con il master peggiore, dalle tinte talmente chiare da risultare non solo visivamente poco fruibili ma perfino fastidiose.
L’intero volume, a cominciare dall’illustrazione sulla cover (dove però il Topo è rappresentato nella sua versione moderna), è ispirato al cartoon erroneamente titolato Gita a pesca, in realtà il titolo corretto sarebbe Topolino pescatore, con la partecipazione del cucciolone Pluto. L’ultimo corto è il già nominato Topolino nella terra dei giganti, in cui Mickey racconta alla sua prole la favola di Jack e la pianta di fagioli…alla sua maniera.

Interessante il doppiaggio del nastro che raccoglie tutti cartoon doppiati, ovviamente come di prassi dalla Royfilm s.r.l., dal 1995 in poi: non c’è traccia difatti, purtroppo, di Gaetano Varcasia a dar voce a Topolino. Sulla faccia del Topo, per le pochissime battute dialogate, troviamo la voce di Alessandro Quarta accompagnato da Luca Eliani su Paperino e da Paola Valentini su Minni. Vale la pena spendere qualche parola sul doppiaggio del corto Il cane rapito dove è la voce fuori campo di Renzo Stacchi a farci desumere che senza grossi dubbi è stato lui a dirigenerne il doppiaggio. Curiosamente lo stesso Stacchi fa parlare anche il perfido Pietro che nel cartoon ha una sola battuta (sarebbe meglio dire una sola parola: “Via!” mentre tenta di scacciare Fifì) e sebbene sia comprensibile (in termini di tempo e disponibilità degli attori) la scelta di ricorrere al direttore per una sola parola da doppiare, sia pur di un personaggio iconico, è proprio per questo quantomeno curioso segnalare l’assenza di Massimo Corvo sul personaggio.
Dei rimanenti tre cartoon possiamo invece dare qualche info in più anche grazie al sottostante commento del nostro affezionato Marco.
Le edizioni qui presentate e sotto schedate sono leggermente differenti da quelle trasmesse in Tv nei decenni passati (…ormai nel 2019 i corti Disney si vedono col lanternino sulle reti pubbliche!).
Il nastro pensiamo sia stato difatti doppiato “in blocco” e ritroviamo spesso non solo Stacchi, ma anche Luigi Ferraro (padre della zanzarina nel primo corto, strillone nel secondo) e che i dialoghi siano firmati, probabilmente, da Elisa Galletta. Quello di cui siamo certi sono invece i dati dei doppiaggi televisivi dei medesimi corti, qui comprensibilmente non (più) accreditati in tabelle. Per quelle lavorazioni possiamo certamente accreditare non solo la direzione del buon Leslie James La Penna ma anche i dialoghi italiani, sia pur ridotti all’osso, della brava Manuela Marianetti.
Sulle altre voci, invece, ci piace evidenziare la battuta della giovane zanzara colpita dai nostri campeggiatori disneyani, nel corto che apre la compilation, affidata a Ilaria Stagni nell’edizione home-video e dal direttore al proprio figliolo Leonardo La Penna, in quella televisiva, il quale porta a casa un breve ma estremamente tenero risultato (la zanzara padre dell’edizione televisiva è invece Daniele Valenti).

L’ultimo corto invece, Topolino nella terra dei giganti, vede nell’edizione home-video Paola Valentini dare voce ai bambini cui il Topolino di Alessandro Quarta legge la fiaba del temibile gigante doppiato da Massimo Gentile che però non canta la canzoncine introduttiva, lasciandola in originale (poi ascolteremo Mario Bombardieri nell’edizione televisiva, questa volta con la canzone doppiata in italiano dal medesimo). Il tutto, manco a dirlo, con la voce fuori campo di Renzo Stacchi che traduce le scritte in inglese sullo schermo (da prassi “vociate” da Leslie La Penna nei doppiaggi televisivi).
Dopo quest’accoppiata di volumi, basterà attendere un paio di mesi per l’uscita di un’altra videocassetta. Ma purtroppo, sarà una delle ultime di questa collana.

Corti presenti e loro edizione italiana:
• TOPOLINO E LE ZANZARE (Camping Out; 1934) – Topolino
Topolino: Alessandro Quarta
Minni: Paola Valentini
Zanzara figlio: Ilaria Stagni
Zanzara padre: Luigi Ferraro
Voce fuori campo: Renzo Stacchi

IL CANE RAPITO (The Dognapper; 1934) – Topolino
Voce fuori campo: Renzo Stacchi
Strillone 1:
Strillone 2: Luigi Ferraro
Radio-polizia: Renzo Stacchi
Gambadilegno: Renzo Stacchi
Paperino: Luca Eliani
Topolino: Alessandro Quarta

TOPOLINO PESCATORE (Fishin’ around; 1931) – Topolino
Topolino: Alessandro Quarta
Poliziotto: Renzo Stacchi

TOPOLINO NELLA TERRA DEI GIGANTI (Giantland; 1933) – Topolino
Un orfanello: Paola Valentini
Topolino: Alessandro Quarta
Gigante: Massimo Gentile
Voce fuori campo: Renzo Stacchi

 

Precedente Cartoon Classics - Pluto aiutante offresi Successivo Cartoon Classics - Io Paperino!

2 commenti su “Cartoon Classics – Topolino pesca guai

  1. Marco il said:

    Cari amici del nastrino, mi rifaccio vivo dopo tanto tempo per farvi un’altra segnalazione, che spero possiate trovare interessante, riguardo il doppiaggio della vhs qui presente.
    Non mi esprimo su “Il cane rapito” e “Topolino pescatore”, ma per quanto riguarda “Topolino e le zanzare” e “Topolino nella terra dei giganti”, di cui possiedo sia le versioni trasmesse in televisione, sia quelle pubblicate in videocassetta, posso dirvi che i crediti da voi riportati si riferiscono alle edizioni televisive.
    Nella VHS infatti, la giovane zanzara, non è doppiata da Leonardo La Penna ma da Ilaria Stagni, mentre la canzone del gigante viene lasciata in inglese.
    Tuttavia la differenza più rilevante, la si può ascoltare nel doppiaggio di Topolino: nella VHS, infatti, Quarta usa una caratterizzazione più bassa, simile a quella di Gaetano Varcasia, mentre nei doppiaggi televisivi usa quella che ormai è diventata la caratterizzazione definitiva, con un tono di voce più acuto.
    Un trattamento simile, per quanto ne so, è stato riservato anche al corto “Topolino e i pirati”, pubblicato nella VHS “I capolavori di Minni” (e forse anche in “Storie quasi titaniche”) con un doppiaggio che, pur avvalendosi dello stesso cast vocale, presenta un adattamento dei dialoghi e delle canzoni diverso dall’edizione televisiva (a memoria mi viene in mente il ritornello della canzone iniziale che nell’adattamento VHS è stato adattato in: “Il capo ha la ragazza, mentre in TV diventa: “E’ proprio innamorato”).

    • VHSWD il said:

      Caro Marco, ci sei prezioso come sempre. Saremo sinceri: ignoravamo che l’edizione italiana dei corti esaminati differisse tra quella home-video e quella televisiva, sinceramente ci incuriosirebbe capire bene anche le dinamiche che hanno portato all’epoca ad effettuare due doppiaggi! Chissà… i veri motivi probabilmente non li sapremo mai, quel che invece è certo è che abbiamo aggiornato la scheda grazie alla tua segnalazione e al tuo cortese messaggio. Ci farebbe piacere leggerti anche su Facebook, dove siamo sicuri che troverai post interessanti a cui partecipare e commentare. Ti ringraziamo per seguirci sempre con affetto e apprezzata precisione, continua dunque a farlo ché a noi fa piacere e a presto!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.