VideoParade vol. 2

Titolo italiano: VideoParade vol. 2
Titolo originale:

Codice: VK 6002
Durata: 22 minuti
Edizione: Novembre 1992
Distribuzione: Buena Vista Home Video
Tipologia: Editoriale
Box: Trasparente piccolo in plastica rigida
Messaggio antipirateria: BV Home Video
Intro: Apprendista Stregone
Promo iniziali: VideoParade vol. 3.
Promo finali: Assenti.
Contenuto: La vhs contiene una compilation di tre corti classici, uno dalla serie di Topolino, uno da quella di Pippo e l’ultimo da quella di Paperino, tutti completi dei loro crediti originali.

Segni particolari: Se l’illustrazione utilizzata per il primo volume della collana VideoParade mostrava la coppia formata da Topolino e Pluto, nel secondo non potevano che esserci Paperino e Pippo! Ma andiamo per ordine, partendo dal promo iniziale. Come abbiamo anticipato nella precedente scheda, lo spot iniziale che anticipa la compilation di corti, pubblicizzando il contenuto della successiva uscita della collana, varierà la sua fisionomia di cassetta in cassetta, fino a diventare definitivo nel quarto volume. In questa vhs la voce del promo è di Bruno Slaviero (nel precedente era di Francesco Discolo) e l’immagine del chiosco-edicola in CGI viene spostata in basso a sinistra e resa girevole, mentre in alto a destra scorrono dei riquadri con frammenti dei tre episodi che andranno a comporre la terza videocassetta della serie. In sottofondo sentiamo invece in loop il secondo tema musicale della serie di Pippo. Alla fine del promo appaiono ancora i bianchi volumi in CGI che dovrebbero rappresentare la parte cartacea dell’opera, mentre lo speaker ci preannuncia favolosi regali a partire dal prossimo volume.

I tre corti classici scelti per questo nastro sono Il circo di Topolino del 1936, in cui Topolino e Paperino devono vedersela con un pubblico difficile: la stessa marmaglia di orfani vista in Spettacolo di beneficenza e Picnic per gli orfanelli; Caccia all’anitra, l’unico memorabile corto della serie di Pippo uscito nel 1947, dove il nostro eroe in versione cacciatore di anatre è alle prese con uno stormo di arguti volatili, ed infine Picnic sulla spiaggia del 1939, secondo cartoon in assoluto dove il Papero alla marinara fa coppia con Pluto….e anche con un branco di formiche affamate. Questa è peraltro l’unica videocassetta dove è possibile visionare quest’ultimo corto, il quale non sarà mai più distribuito su nastrini italiani.
Niente di particolare da segnalare sul doppiaggio italiano che ovviamente mantiene le solite voci anni ’90 dei personaggi classici ma, a onor del vero, fa piacere sottolineare che Il circo di Topolino era stato inserito nella videocassetta La vita con Topolino senza alcun doppiaggio.

Come abbiamo anticipato poche righe sopra, l’illustrazione di fattura internazionale sulla fascetta (e sulla cover del libro allegato) presenta su uno sfondo azzurro Paperino e Pippo in tenuta da spiaggia, mentre stanno salutando…proprio noi che li guardiamo! L’artwork utilizzato per il volume precedente mostrava Topolino in posa insieme a Pluto e lo avevamo ritrovato come cover di alcune vhs estere dal titolo Mickey & Company. Allo stesso modo, l’immagine con Paperino e Pippo è stata appiccicata sulle fascetta arancioni di alcune videocassette straniere, intitolate…Donald & Company (o Super Parade nel caso belga)! Possiamo trovare questi nastri, al pari quello nominato in precedenza, sia come parte della collana Cartoon Classics, sia come cassette a sé stanti.
Sul retro appaiono per la prima volta dei riquadri contenenti due fotogrammi dei corti contenuti nel master, accanto alla lista dei titoli originali, e così rimarranno anche nei successivi volumi.
Segnaliamo anche che, a partire da questo volume, il numero e la data di uscita del volume saranno inchiostrati direttamente sullo sticker interno della vhs (nel primo volume la dicitura era stampata normalmente ed inserita in una riga rossa).

Il volume cartaceo è intitolato Paperino nei pasticci e altre storie. Nonostante nel precedente volume fossero presenti una storia a fumetti, un insieme di strisce domenicali ed un articolo di Carlo Chendi, stavolta i capitoli totali sono quattro, dato che i gruppi di strisce dedicate ad un personaggio fisso passano a due. Nel sommario leggiamo infatti Paperino nei pasticci e Le disavventure di Pluto, oltre alla storia Topolino al circo (Circus Roustabout, pubblicata negli States nel 1931), inserita probabilmente come rimando al cartoon Il circo di Topolino incluso nella videocassetta, nonostante il fumetto abbia ben poco a che vedere con il corto animato del ’36. Per quanto riguarda le strisce del Papero, le sceneggiature sono di Ted Osborne, i disegni di Al Taliaferro; le prime pubblicazioni italiane risalgono tutte tra il 1937-38 in testate e riviste differenti, tranne una apparsa per la prima volta sul Cartonatone Disney n. 5 del 1975 intitolato Paperino 365 sketches 1936-1945 storie per un anno. Topolino al circo, dove appare il personaggio dell’ex criminale Sgozza (chiamato in originale Butch, proprio come il bulldog antagonista di Pluto), è scritta e disegnata da Floyd Gottfredson con le chine di Al Taliaferro, pubblicata per la prima volta in Italia con il titolo Topolino domatore e saltimbanco nel 1935 sull’albo Nel regno di Topolino. Le strisce di Pluto sono scritte da Hubie Karp e disegnate da Bob Grant. Le prime pubblicazioni italiane, tranne rari casi, risalgono quasi tutte al Cartonatone Disney n. 17 del 1987 dedicato alle Silly Symphonies.

L’articolo centrale di Carlo Chendi dedica ben sette pagine alla storia di Goofy ed è intitolato Pippo, simpaticone superstar. Con l’ausilio di bozzetti de Il varietà di Topolino del 1932, primo cartoon dove appare una versione più anziana del personaggio chiamata Dippy Dawg, e di foto dello storico doppiatore Pinto Colvig, viene tracciata l’evoluzione del personaggio, che nel ’34 vede il design modificarsi radicalmente: lo spilungone ringiovanisce miracolosamente ed acquista una personalità delineata. Gran parte del merito della caratterizzazione di Pippo va all’animatore Art Babbitt, il quale – scrive Chendi – descrive così il personaggio nel 1935: “Penso che Pippo debba essere una sorta di inguaribile ottimista, di Buon Samaritano credulone, intelligente a metà, un provincialotto incapace e pasticcione, ma dal cuore d’oro. […]”.
Già da La stazione di servizio di Topolino si nota la mano di Babbitt sul character, che comincia ad assumere la indole che tutti conosciamo e l’aspetto buffo e dinoccolato; nel ’36, all’interno del cartoon La squadra di polo di Topolino verrà chiamato The Goof. L’evoluzione sfocerà poi nel ’39, dove lo spilungone sarà protagonista del primo cartoon della sua personale serie, Pippo e Wilbur.

Ritorna alla fine del volume la pagina dedicata alle anticipazioni, chiamata Sorpresissime in anteprima!. Stavolta, invece del cruciverba, un crittogramma ha il compito di portare il lettore alla soluzione, indicante il regalo che sarà allegato al volume in uscita il mese successivo. Inoltre, il concorso I campioni della neve, annunciato nel primo volume, diventa realtà: per partecipare all’estrazione di tre settimane bianche sulla Val Senales, in Trentino Alto Adige, basta compilare e spedire la cartolina preaffrancata abbinata al libro. Ovviamente, solo se leggete questo articolo nel 1992…
Ma la rubrica sulle anticipazioni non è l’ultima pagina del volume. In questo cartonato appare per la prima volta una pagina titolata Tutta la magia di Disney che diventerà una presenza fissa nei volumi successivi, descrivendo anche il contenuto della videocassetta oltre a quello del libro e unendola ad un’introduzione che rimarrà sempre la stessa.

Corti presenti e loro edizione italiana:
IL CIRCO DI TOPOLINO (Mickey’s Circus; 1936) – Topolino
Orfanelli:
Topolino: Gaetano Varcasia
Paperino: Luca Eliani

CACCIA ALL’ANITRA (Foul Hunting; 1947) – Pippo
Pippo: Vittorio Amandola

PICNIC SULLA SPIAGGIA (Beach Picnic; 1939) – Paperino
Paperino: Luca Eliani

Precedente VideoParade vol. 1 Successivo VideoParade vol. 3

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.