Un tipo lunatico

Titolo italiano:  Un tipo lunatico
Titolo originale:  Moon Pilot

Codice: Cod. 4118
Durata: 98 minuti
Edizione: Marzo 1986
Distribuzione: Walt Disney Home Video
Tipologia: Noleggio
Box: Bianco grande in plastica morbida
Messaggio antipirateria: Macchina da scrivere – Noleggio
Intro: Spaceship
Promo iniziali: Assenti.
Promo finali: Le pietre preziose Mondadori; Periodici a fumetti Disney Mondadori.
Contenuto: La videocassetta contiene il film cinematografico del 1962 Moon Pilot, uscito nei cinema italiani nell’ottobre dello stesso anno con il titolo Un tipo lunatico.

Segni particolari: Ecco un altro film Disney per famiglie che chi ha avuto modo di vedere al cinema negli anni ’60 probabilmente ancor oggi ricorda con piacere. Una commedia dai buoni sentimenti girata da James Neilson (Okay Parigi!, Magia d’estate, Un maggiordomo nel far west…), il cui protagonista è il giovane Capitano Richmond Talbot, interpretato da Tom Tryon e ottimamente doppiato in italiano dal grande Pino Locchi.
[ATTENZIONE – SPOILER] Il giovane membro del corpo dell’aviazione statunitense sarà il prescelto, invero in una maniera alquanto discutibile e accidentata, per fare un “viaggetto” sulla luna dopo il suo collega Charlie. Collega che…è una scimmia (lo vedete qui sotto in foto)! Charlie ha riportato alcuni effetti collaterali dopo aver rimesso piede, pardon zampa, sulla Terra. Colonnelli e Comandanti dell’aeronautica sembrano però non voler dare il giusto peso agli anomali comportamenti del primate ed ecco che, per evitare che pure il Capitano Talbot subisca gli stessi effetti, la giovane e bella extraterrestre Lyrae – interpretata da Dany Saval e doppiata in italiano da Maria Pia Di Meo per la parte dialogata e da Tina Centi per la breve canzone intonata sul finire della pellicola – si assumerà il compito di “salvare” il giovane comunicando alcune accortezze da osservare prima di lanciare il razzo sulla luna. Impresa non semplice, per una avvenente ragazza non proveniente dalla Terra, essere creduta e specialmente convincere tutti di non essere una spia nemica! Sarà proprio il Capitano Talbot, però, ad avere fiducia sulla giovane Lyrae e a tentare con lei di riparare la procedura per il lancio lunare. [FINE SPOILER]

La commedia, che ci ha intrattenuto ma non entusiasmato e che in qualche tratto si è rivelata perfino lunga e ripetitiva, è attualmente reperibile in italiano solamente in videocassetta e non è disponibile nel catalogo nostrano di Disney+, il canale di streaming ufficiale della Casa del Topo, così come risulta inedita in DVD o BD. Perciò ci dobbiamo (piacevolmente!) accontentare di questa cassetta che propone il master con i titoli di testa interamente in inglese (più su ve ne abbiamo proposto una immagine, scusandoci per la riga sullo schermo nella nostra copia). Anche i titoli finali sono originali e non figurano pertanto cartelli dedicati all’edizione italiana.
Il film è stato ispirato dal romanzo Starfire scritto da Robert Buckner nel 1960 e di cui la Disney acquistò i diritti l’anno successivo. Walt non ha mai nascosto la sua personale curiosità per lo spazio, come dimostrano alcune puntate degli anni ’50 della famosa serie Disneyland e altre produzioni precedenti, ma in questo caso l’argomento viene affrontato con satira e leggerezza, anche verso la politica e i servizi segreti. Anzi, curiosamente alcune fonti riportano che l’FBI si lamentò per la caratterizzazione ridicola proposta nel film per il personaggio di McClosky (interpretato dall’attore Edmond O’Brien e simpaticamente doppiato dal buon Ferruccio Amendola) e perciò il corpo dello Stato a cui l’agente appartiene, che doveva per l’appunto essere quello dell’FBI, fu cambiato in Polizia Federale.

Oltre ai già citati, il cast di attori e doppiatori italiani è (come sempre per l’epoca) notevole: spicca senz’altro su tutti l’affezionato disneyano Brian Keith, anche in questo film con la sua “disneyana” voce: Giuseppe ‘Peppino’ Rinaldi. Il Colonnello Briggs ha il volto di Dick Whittinghill e la voce italiana di Oreste Lionello e, in personaggi minori è impossibile non prestare orecchio alle voci di Lydia Simoneschi (Muriel Landers), Wanda Tettoni (Nancy Kulp), Vinicio Sofia (automobilista). Non accreditato ufficialmente, ma comunque presente, è un piccolo ruolo affidato all’attrice in erba Sally Field: una delle ragazze di strada da identificare al commissariato. La giovane attrice protagonista, la francese Dany Saval è al suo debutto americano, la sua controparte maschile Tom Tryon invece aveva già interpretato il ruolo televisivo di Texas John all’interno della serie Disneyland (da noi i film della saga sono usciti al cinema; nel 2016 il principale datato 1958 è stato ridoppiato dalla Royfilm s.r.l.).
Chiude il film la canzone Sette lune (The Seven Moons of Beta Lyrae) composta dai fratelli Sherman, presentata nella nostra versione col testo italiano di PERTITAS eseguito con la direzione musicale del Maestro Pietro Carapellucci. Il doppiaggio del film è stato ovviamente curato dalla Royfilm s.r.l. con le classiche gloriose voci della C.D.C., i dialoghi del Comandante Roberto de Leonardis e la direzione del doppiaggio firmata da Giulio Panicali.

A nostro giudizio personale, come già detto, il film risulta nel complesso simpatico e godibile, ma con un finale forse troppo affrettato. Il protagonista Tom Tryon risulta perfetto nel ruolo del giovane capitano dell’aviazione in balia degli eventi, buono d’animo, ignaro e anche un po’ tonto (perfettamente restituito da Pino Locchi). Dany Saval invece è un po’ mono-espressiva; forse la caratterizzazione italiana di Maria Pia Di Meo non riesce a rendere bene l’inglese non parlato alla perfezione della versione originale. Le musiche del veterano dello Studio, Paul J. Smith, sono invece estremamente godibili e i pochi effetti speciali supervisionati da Eustace Lycett sono ben realizzati. Il film uscì nelle sale cinematografiche italiane nell’ottobre 1962 distribuito dalla Rank Film con abbinato il cartoon Acquamania, ultimo corto regolare della serie di Pippo completato l’anno precedente, da noi intitolato all’epoca Pippo e il fuoribordo e presumibilmente presentato in lingua originale.

Carino il design della fascetta che propone un’illustrazione internazionale su sfondo azzurro realizzata per la distribuzione americana del film, dove la bella Dany Saval presenta un abbigliamento sbarazzino che per la verità non sfoggerà mai durante lo svolgimento della pellicola…ritroveremo la medesima immagine anche in edizioni estere della videocassetta.

Edizione italiana:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!