I nostri eroi alla riscossa

Titolo italiano: I nostri eroi alla riscossa
Titolo originale: Cartoon All-Stars to the Rescue

Codice: PR 0031
Durata: 30 minuti
Edizione: Aprile 1991
Distribuzione: Walt Disney Home Video
Tipologia: Noleggio gratuito
Box: Nero grande in plastica rigida
Messaggio antipirateria: Assente.
Intro: Assente.
Promo iniziali: Assenti.
Promo finali: Assenti.
Contenuto: La vhs presenta il mediometraggio educativo dal titolo I nostri eroi alla riscossa, finanziato da McDonald’s e Ronald McDonald Children’s Charities e prodotto da Walt Disney Television Animation, The Academy of Television Arts and Sciences Foundation e Southern Star Productions.

Segni particolari: Esiste un cartoon dove è possibile vedere insieme Bugs Bunny, Winnie the Pooh, Garfield, i Puffi e Qui, Quo, Qua? La prima risposta potrebbe essere: sì, il fantastico film Chi ha incastrato Roger Rabbit. Ma la risposta non è corretta, dato che alcuni di questi personaggi non vi appaiono. Due anni dopo l’uscita del lungometraggio di Robert Zemeckis, i nostri eroi – è proprio il caso di dirlo – si ritrovano tutti insieme in una speciale produzione televisiva a sfondo educativo, dal titolo I nostri eroi alla riscossa (conosciuto anche con il titolo Cartoni animati contro la droga). Questo mediometraggio animato, il cui titolo originale recita Cartoon All-Stars to the Rescue, ha un fine educativo ben delineato: allontanare i ragazzi dal mondo della droga, in un modo divertente e decisamente accessibile. Oltre ai personaggi già citati poche righe sopra, trovano spazio anche Daffy Duck, Tigro, i Baby Muppet’s Kermit, Miss Piggy e Gonzo, l’alieno Alf, Alvin e i suoi fratelli, Slimer e Michelangelo delle Tartarughe Ninja.

Il cartoon è stato finanziato dalla catena di fast-food McDonald’s e dall’organizzazione no-profit Ronald McDonald Children’s Charities (oggi House Charities) e prodotto nel 1990 dal trittico Walt Disney Television AnimationThe Academy of Television Arts and Sciences FoundationSouthern Star Productions, mentre l’animazione è farina del sacco della Wang Film Productions Co.. Durante la primavera dello stesso anno, lo special è andato in onda sulle maggiori emittenti televisive statunitensi e, successivamente, australiane ed europee. In Italia il mediometraggio è stato trasmesso sul piccolo schermo durante le festività natalizie del ’90, su iniziativa della Presidenza del Consiglio dei Ministri – nello specifico il Dipartimento degli Affari Sociali, come potete vedere nell’immagine in alto, pescata  dalla intro della vhs italiana -, preceduto da un’introduzione di tre minuti dell’onorevole Giulio Andreotti, che era il premier in carica in quel periodo.

Questo curioso cartone animato è ben presto stato licenziato in vhs, prima negli States e poi anche in Italia, distribuito per il noleggio nel 1991. Ma data la natura educativa del contenuto, McDonald’s, che affidò la distribuzione alla Buena Vista Home Video, optò per il noleggio gratuito senza fini di lucro; era infatti possibile prendere in prestito la videocassetta senza alcun costo nella gran parte delle videoteche italiane. Tale scelta non deve sorprendere, se si pensa che tutti i proprietari dei diritti dei personaggi che appaiono nell’episodio, li cedettero gratuitamente per l’occasione, ad eccezione del creatore di Garfield Jim Davis, il quale vide invero utilizzare il suo personaggio senza che egli avesse dato il suo benestare.
La fisionomia della vhs è molto simile a quella di una cassetta Disney licenziata nei primissimi anni ’90: box nero in plastica rigida, faccione di uno dei protagonisti (Winnie) nella parte inferiore della costina gialla, edizione riportata in basso sul retro. Anche il codice è simile a quello di una Disney regolare (anche se le lettere PR non appariranno in altre videocassette disneyane), mentre la dicitura “solo noleggio gratuito”, sempre sul retro, non tradisce la natura speciale del contenuto. La didascalia sul fronte recita infatti lo slogan: “La droga non può spuntarla se siamo tipi in gamba!”, al di sopra del titolo e dell’illustrazione con tutti i personaggi insieme. Specifichiamo che nella cover, rispetto al cartoon, manca Michelangelo, sostituito dalla bionda Puffetta, che non appare però nello special. Il nastro italiano non presenta promo iniziali nè finali, neppure l’introduzione televisiva del premier Andreotti, mentre nella vhs USA figurava una brevissima sequenza introduttiva dell’allora presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush con la first lady Barbara. Il video si apre direttamente su un cartello su sfondo nero che indica la Ronald McDonald Children’s Charities come principale fautrice dell’iniziativa, dopodiché su di uno sfondo colorato appaiono in sequenza alcuni cartelli in italiano (potete vederne due in alto), nei quali è erroneamente indicato Roy Edward Disney, personalità di spicco degli Studios in quegli anni, come produttore unico del cartoon. Durante i crediti finali, viene però “rettificato” come produttore esecutivo.

La trama del film è la seguente: il protagonista è Michael, adolescente che, a causa dei suoi problemi con la droga (rappresentata dal truce personaggio di Fumo, una nuvola grigia vestita di tutto punto e che per noi ha la voce del compianto Giampiero Albertini), sta rovinando la sua salute e il rapporto con la sorellina Corey, preoccupata per lui. Spetterà ai nostri eroi, alcuni dei quali prendono vita da oggetti inanimati (Garfield è un’abat-jour, Winnie è – ma dai! – un’orsacchiotto di pezza, Alf un quadro), riportare il ragazzo sulla retta via! Nel bel mezzo del mediometraggio troviamo addirittura un brano, dal titolo Mille modi al mondo per dire di no (Wonderful Ways to Say No in originale) cantato dai nostri eroi ma, come spesso capita, con voci sensibilmente diverse rispetto ai doppiatori “parlanti”! Per nostra fortuna alla fine del cartoon, prima dei crediti originali, sono presenti quelli italiani, con tutti i nomi dei doppiatori ed i crediti tecnici. Fa enormemente piacere vedere accreditata la Royfilm come responsabile dell’edizione italiana incisa presso gli studi della Fono Roma per la direzione e l’adattamento dialoghi curato da Teo Bellia (traduzione di Cristina Calapso) che doppia anche diversi personaggi nel cartoon. La direzione musicale è del M° Pietro Carapellucci ed i testi sono chiaramente di ERMAVILO.

Edizione italiana:
I nostri eroi alla riscossa

Precedente Topolino, Paperino, Pippo - I tre moschettieri Successivo In viaggio con Pippo

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.