Estremamente Pippo

Titolo italiano: Estremamente Pippo
Titolo originale: An Extremely Goofy Movie

Codice: VP 1116
Durata: 76 minuti
Edizione: Maggio 2001
Distribuzione: Buena Vista Home Entertainment
Tipologia: Editoriale
Box: Nero piccolo in plastica rigida
Messaggio antipirateria: BV Home Entertainment
Intro: Disney Video
Promo iniziali: Assenti.
Promo finali: Assenti.
Contenuto: Nel nastro è contenuto il film direct-to-video Estremamente Pippo, realizzato nel 2000 come sequel di In viaggio con Pippo.

Segni particolari: I risultati e il successo del film cinematografico In viaggio con Pippo, uscito negli States nel 1995 e in Italia l’anno successivo, convinsero la Disney a produrne un cheapquel (sequel a basso costo, n.d.r.), anch’esso ispirato in parte alla serie tv Ecco Pippo! ma stavolta licenziato esclusivamente per il mercato dell’home video e prodotto dal solo reparto di animazione televisiva. Il titolo originale, An Extremely Goofy Movie, riprende scherzosamente quello del precedente A Goofy Movie, mentre in italiano il gioco di parole si perde per ovvi motivi e il titolo diventa Estremamente Pippo. Non si può dire che nel nostro paese questo lungometraggio abbia avuto un’accurata distribuzione: l’unica vhs del film è stata infatti distribuita in allegato al n. 2373 del settimanale disneyano Topolino nel Maggio del 2001, in mezzo ad altre compilation di cartoon classics, con poca pubblicizzazione e una cover a dir poco orribile, nonché per nulla attinente al contenuto. Manca invece totalmente all’appello un’edizione in dvd di questo lungometraggio, almeno fino al momento della pubblicazione della presente scheda.

Il nastro si apre, dopo i consueti messaggi antipirateria e la intro stile “Disney Video”, con la face card della serie dei corti classici di Pippo; un attimo dopo ci accorgiamo però che si tratta di un simpatico stratagemma per introdurre il film, come potete vedere dall’immagine sovrastante: la face card è inserita all’interno di un gong che un Pippo vestito da fachiro si appresterà a suonare, facendolo crollare sul suo piede e rivelando sul retro il titolo italiano del lungometraggio su sfondo bianco.
Il film – realizzato nel 2000 – si svolge pochi anni dopo la fine di In viaggio con Pippo, con Max e gli amici P.J. e Bobby che sono cresciuti e destinati al college, mentre Pippo dovrà preoccuparsi della distanza tra lui e il figlioletto, ormai quasi adulto. Il povero spilungone, distratto dalle sorti di Max, combinerà un pasticcio sul posto di lavoro e dovrà recarsi anche lui allo stesso college, per ottenere una laurea e poter trovare una nuova occupazione, recando con i suoi comportamenti bizzarri un comprensibile disagio a Max. Mentre Pippo si innamorerà della bibliotecaria Sylvia Marpole, con la quale condivide una passione per tutto quello che riguarda gli anni ’70 (gran parte della colonna sonora sarà infatti dedicata ai seventies), i ragazzi si preoccupano soprattutto dei giochi universitari – sponsorizzati dalla ESPN! – e della sfida lanciata ai campioni in carica: il gruppo dei Gamma, capitanati dall’arrogante Bradley Uppercrust III; chi risulterà il perdente tra Max e Bradley dovrà portare l’asciugamano all’altro per tutto l’anno successivo.

Ci sono molte analogie, ma anche alcune differenze tra i due lungometraggi dedicati a Pippo e Max. In Estremamente Pippo ricompaiono alcuni dei personaggi visti nel primo film, come il rude Pietro, suo figlio P.J. e l’eccentrico Robert “Bobby” Zimuruski (grande amante del formaggio), ma anche alcuni nuovi, quali la nostalgica bibliotecaria Sylvia, i Gamma Bradley e Tank, il commentatore sportivo Chuck e la “poetessa moderna” Beret Girl, che diverrà la ragazza di P.J..
Tra le differenze, Pippo non lavora più – al pari di Pietro – come fotografo per bambini in un centro commerciale, bensì come operaio in una fabbrica di giocattoli, dalla quale verrà presto licenziato. Ma l’aspetto più fondamentale è che il personaggio di Roxanne, la “cotta” di Max intorno alla quale girava tutta la storia di In viaggio con Pippo, non appare né viene mai nominata (riapparirà invece in una puntata della serie tv House of Mouse – Il topoclub).

Apprezzabile ed abbastanza curato è il doppiaggio italiano, anche se certo non ai livelli del primo ché sicuramente ha ricevuto più attenzioni anche per la destinazione cinematografica. In questo nuovo film cambiano un po’ di voci rispetto al precedente, su tutti non può che saltare all’orecchio Roberto Pedicini su Pippo, che si fa fardello dell’eredità di Vittorio Amandola. Un piccolo cambio anche per l’amico di Max, P.J. che parla ora con la voce di Stefano De Filippis anziché con quella di Paolo Vivio come aveva sempre fatto. Della direzione del doppiaggio se ne occupa il grande Leslie James La Penna mentre i dialoghi vengono ora curati da Manuela Marianetti ed il tutto viene ovviamente come sempre firmato dalla Royfilm.
Della fascetta abbiamo già parlato brevemente all’inizio della scheda: l’illustrazione di Pippo e Max sul fronte, che dovrebbe rappresentare una delle primissime scene del film, dove Pippo e Pietro hanno organizzato un rinfresco ai ragazzi, per festeggiare l’inizio del college, è veramente incommentabile. In alto, accanto al titolo, possiamo gustarci (…) una miniatura di Max sul suo inseparabile skate, mentre sul retro sono state incollate alcune scene del film, accanto ad una stringatissima trama, descrive il contenuto come “il film più spassoso dell’anno”…nonché quello che ha avuto la distribuzione peggiore, aggiungiamo noi, considerando anche che è stato trasmesso in chiaro in Tv solo nel 2004!

Edizione italiana:
• ESTREMAMENTE PIPPO (An Extremely Goofy Movie; 2000)
Edizione italiana – Estremamente Pippo

Precedente In viaggio con Pippo Successivo Topolino & i cattivi Disney

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.